Review: Lo smalto per graffiare i muri

Io con lo smalto ho davvero un sacco di problemi. Sarà che faccio dei bagni molto lunghi, o che uso le mani per costruire bigiotteria, ma alcuni smalti non mi durano nemmeno mezza giornata. Avevo risolto con lo smalto semipermanente, se non che poi di notte le unghie turbavano i miei sogni implorando in un coro polifonico da 10: “Ti prego, fammi respirare!”

La sedia della discordia

Come avrete capito, l’Umana mi sta abbastanza simpatica. Certo, a volte è un po’ invadente, tipo quando mi vuole coccolare mentre io sto facendo cose importanti, come stabilire se un certo angolo di pavimento è comodo come sembra. Però devo dire che fa dei grattini eccezionali, ed è brava ad aprire le scatolette. Per questo sono contento di ospitarla nella mia casa, e devo dire che d’inverno è meglio di un termosifone.
Però ci sono dei periodi in cui davvero esagera.

Shopping cum mathre: ecco il bottino

Ok, avrete capito che io non sarò mai una fashion blogger. Uno dei motivi è che faccio il lavoro della mia vita, e come succede nel 90% dei casi, esso non è ben remunerato. Raramente riesco a mettere da parte qualcosa a fine mese, quindi lo shopping non è un mio vizio. Per fortuna, però, ho una madre che durante i saldi diventa munifica, e non sarei una degna figlia, se non ne approfittassi!

Come rovinare una storia d’amore già scritta nel tuo cervello

Insomma, arrivo in libreria e mi dirigo verso quello che da lì diventò il mio ultimo pensiero prima di andare a dormire. Non bello, vado spesso da Feltrinelli e non lo avevo mai notato. Gli consegno la lettera di vettura e gli esplico la situazione. Cerco di essere simpatica, perché mi rendo conto che il negozio in generale e lui in particolare non avevano nessuna responsabilità. Sennonché, sorpresona sgradita, loro hanno solo il libro uguale a quello che avevano mandato a me.libreria-colorata

La guerra alla Feltrinelli

Eravamo rimasti alla mia dichiarazione di guerra alla Feltrinelli. In realtà non era stata semplicemente la copertina sbagliata a mandarmi fuori dai gangheri: quell’ordine era davvero partito male. Vi spiego in breve come funziona quel sito: voi fate il vostro ordine. Per ogni articolo vi dicono in quanti giorni riusciranno a procacciarselo. A quel punto, se vi va bene, disponete il pagamento, ma i soldi vi saranno scalati soltanto quando i libri saranno tutti disponibili. Fino a quel momento voi potete annullare o modificare l’ordine. È un metodo molto onesto, secondo me; per dire, nei siti di saldi online spessissimo non va così: ti scalano subito i soldi dalla carta, e se c’è qualche problema aspetti e speri nel rimborso. Sì, ok, non mi è mai capitato che non mi rimborsassero, ma è pagare merci che fisicamente non ci sono ancora che mi dà fastidio.
libri-1

Trucco stregatta: armi affinate

Quando ho deciso di darmi al trucco stregatto dello scorso post di questa categoria, volevo evitare di rimetterci uno stipendio. Ci sono ombretti fuxia economicissimi (io ho usato i pigmenti di kiko) e non serve puntare al mascara fuxia di Dior, che costa uno sproposito: io mi sono accontentata di uno Wjcon in offerta a meno di tre euro.