Ho scritto un post su come funziona Vintede e ti suggerisco di leggerlo perché magari può esserti utile. Oggi invece vediamo come fare a vendere su Vinted velocemente, però ti avviso già che i consigli che ti darò non ti piaceranno. Mettiamola così: ambasciator non porta pena, non odiarmi ma fidati di me.

Partiamo da una considerazione: si vende bene su Vinted, sempre che tu possa aspettare con pazienza l’acquirente giusto. Sarebbe anche il caso di avere gli articoli adatti, ma capita anche che oggetti a cui non avresti dato un soldo bucato furoreggino invece sull’app. Il problema sorge quanto tu devi vendere su Vinted velocemente, perché magari stai cercando di racimolare qualcosa per fare i regali di Natale o per fare qualche altra spesa. In quel caso hai solo due modi per centrare l’obiettivo: vendere sottocosto e pagare Vinted perché sponsorizzi il tuo armadio, possibilmente entrambe le cose insieme.

Ormai ho perso il conto delle persone che vedendo il ricambio del mio armadio Vinted mi dicevano “Ma io non riesco a vendere su Vinted niente di niente!” e, quasi invariabilmente, o avevano i prezzi troppo alti o non avevano mai sponsorizzato. Ora, sarà che fare pubblicità è il mio mestiere, ma lascia che ti dica una cosa: viviamo in un mondo sovraffollato, dove, in ogni campo, attirare l’attenzione altrui è molto difficile. Inoltre la maggior parte di noi si è ritrovata scagliata in un mondo capitalista senza i mezzi per contrastarla (anche per questo parlo di bradimalismo): abbiamo moltissimi oggetti, sentiamo che ci stanno soffocando e, comprensibilmente, non ne vogliamo comprare altri, ma preferiamo anzi vendere quelli che abbiamo. Questo vale per una parte di noi, ma ci sono ancora molte persone che non hanno ancora fatto questo salto di consapevolezza e che continuano ad accumulare. Complice la crisi economica, però, diminuiscono costantemente, ed è per questo che per avere più possibilità di raggiungerle, ci conviene sponsorizzare il nostro armadio Vinted o mettere i boost sugli articoli. Ora ti spiego la differenza.

Come funziona l’armadio in evidenza di Vinted

Come i social, Vinted si basa su un algoritmo. Se ti chiedi come mai vedi alcuni contenuti prima di altri, sappi che ci sono millemila variabili. Dalla reputazione dell’account del venditore, alle reazioni avute di fronte a un certo articolo (per dire: è incluso anche il tempo che una persona impiega a vedere il suddetto, quindi consiglio sempre di mettere molte foto e di sforzarsi a mettere qualche riga di descrizione), dalle persone che lo aggiungono ai preferiti e da un tot di altre cose. Sponsorizzando l’armadio Vinted, tu bypassi questa cosa: se uno cerca “camicia bianca” e tu hai appena messo in vendita una camicia bianca, vedrà per prima la tua (o quella di altre persone che vendono una camicia bianca e che hanno messo in evidenza l’armadio).

Ma come si fa a mettere in evidenza l’armadio? Andando nel tuo profilo, c’è un pulsantone in bella vista (Vinted ama fatturare…), paghi 6.95 euro e il gioco è fatto. Nota che se hai già venduto qualcosa su Vinted puoi attingere dal tuo saldo, quindi di fatto non hai alcuna spesa nel tuo conto corrente. Se come me vivi Vinted come un modo per alleggerire il guardaroba più che come un modo per guadagnare, basta che per ogni sponsorizzazione vendi almeno un articolo da 7 euro per non andare in perdita (a me per esempio non è mai successo, la sponsorizzazione ha sempre dato i suoi frutti). Comunque io consiglio la sponsorizzazione anche se vuoi guadagnare in fretta, perché altrimenti la tua visibilità sarà molto limitata.

Naturalmente arriverà un momento in cui tutti si accorgeranno di questa cosa, e a quel punto mettere l’armadio in evidenza non funzionerà più. In quel momento sarà ora di cambiare app, anche se tra quelle che ho provato Vinted è davvero la più comoda.

Come funzionano i boost su Vinted

A differenza dell’armadio in evidenza, il boost si applica a un solo articolo. Per questo motivo costa molto meno, ma non posso dirti un prezzo preciso perché dipende da quanto costa l’articolo. Per darti un’idea, comunque, mettere il boost a un articolo da 15 euro costa 0.98 euro per tre giorni e 1.75 per sette giorni.

Per ora non sono una grande fan di questo servizio: ho usato il boost su due cose e sì, sono aumentate le visualizzazioni e i salvataggi (il salvataggio è quando qualcuno mette un tuo articolo tra i suoi preferiti, ma non è detto che lo compri e anzi le persone seriamente intenzionate a farlo di solito lo comprano subito), ma non sono riuscita a vendere gli articoli. Se considerassi solo i boost e non il bilancio globale, quindi, sarei andata in passivo. In ogni caso questa è solo la mia parzialissima esperienza, non è detto che sia così per tutti, e senz’altro se hai fortuna e l’articolo interessa grazie al boost riuscirai a venderlo velocemente.

Parola d’ordine: prezzi bassi

Lo dicevo anche nello scorso post: Vinted è affettuosamente soprannominato Svinted, perché per vendere qualcosa devi scontarlo moltissimo rispetto al prezzo di partenza. Per questo motivo chiaramente non lo userei per vendere una borsa Chanel (se solo ce l’avessi non la venderei neppure sotto tortura, ma facciamo come se!), ma quel maglione di Stradivarius pagato 29.90 seppur perfetto farò fatica a venderlo a 5 euro. Come dicevo prima, Vinted funziona bene se vuoi svuotare gli armadi senza sensi di colpa facendo anche qualche soldo, se invece hai un alto obiettivo di buget ti conviene lasciar stare.

Certo, puoi anche provare a mettere il maglione di Stradivarius in vendita a 15 euro, ma devi avere tempo: magari un giorno comparirà qualcuno che vuole proprio quel maglione intrecciato in quel modo, e lo vuole proprio di quel colore (se invece il colore è basico, tipo bianco o nero, confermo i 5 euro, ma anche meno!) ma se il tuo obiettivo è vendere velocemente su Vinted ti consiglio di lasciar perdere questa strada.

Ecco Bradipi, questi erano tutti i miei consigli. Vi ricordo che potete passarmi a trovare su Vinted per vedere a quanto metto gli articoli che vendo, o anche per comprare qualcosa, sai mai!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post comment