Come prima cosa, vorrei raccontarvi come sono arrivato qui. Ero in giardino con le mie sorelline ed è arrivata una macchina nera così, nel dubbio, mi sono allontanato. Dalle macchine spesso vengono fuori degli umani che rapiscono noi gattini. È così che sono spariti i miei fratelli. La mia mamma me l’aveva spiegato perché ero il gatto maschio. Le mie sorelline invece non lo sapevano e infatti sono state gentili con l’umana della macchina nera. A un certo punto la Dispensatrice di Cibo è venuta verso di me e mi ha preso in braccio. Io non amo essere preso in braccio, ma a lei lo permettevo perché mi dava sempre qualche croccantino. Sul più bello però mi sono reso conto che mi stava portando verso l’umana della macchina nera. Ho quindi pensato di chiarire subito il mio punto di vista: non mi sarei fatto rapire. E così ho soffiato con tutta la forza all’umana, ho piantato gli artigli nella schiena della Dispensatrice e sono scappato! Il problema è che poi mi ha portato dei croccantini e io a certe cose non resisto: prima che potessi finirli mi ha preso e mi ha messo in uno scatolone: ero stato rapito anch’io!

Ora scusate ma devo andare a dormire fare delle cose molto importanti. Vi aggiornerò prossimamente.

-to be continued-

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post comment