Per parlare di beauty routine, ieri ho postato questo simpatico pezzo non mio. Ma a mio parere i problemi non si limitano all’actimel e al dentifricio. Analizziamo, secondo gli esperti, tutti i riti beauty a cui dovremmo dedicarci quotidianamente e non. Per comodità, li distinguerò in “base” (quelli davvero irrinunciabili) plus (quelli a cui si dedicano le fortunate non-bradipe) e “una tantum”, cioè quelli che, per grazia divina, non sono gesti quotidiani.

beauty routine

La beauty routine – Base


Ti alzi la mattina.
– Ti lavi il viso con un detergente specifico. Spalmi la crema idratante viso.
– Ti trucchi
– Ti lavi i denti tre volte al giorno

Per il resto della giornata sei abbastanza tranquilla, salvo i vari ritocchi trucco. Poi la sera torni a casa.

– Doccia
– Leggera esfoliazione
– Crema idratante corpo
– Deodorante
– Ti strucchi
– Leggera esfoliazione al viso
– Crema da notte
– Crema idratante mani

A quel punto un bradipo che si rispetti è talmente stanco che prende sonno appena piazza la testa sulla piega del cuscino (che ovviamente il giorno dopo si è trasformata in un tatuaggio-ruga sulla guancia). E ammetto che io la crema idratante la mattina e quella sul corpo la sera non la metto quasi mai, perchè il divano chiama e il bradipo risponde. Come se non bastasse si aggiunge il plus.

 

La beauty routine – Plus

– Se fossimo pignoli, bisognerebbe docciarsi anche la mattina. Sia mai che la notte hai sudato
– Oltre all’idratante, dovresti aggiungere il siero, perchè le rughe sono sempre in agguato.
– Non parliamo poi del contorno occhi. Non vorrai le zampe di gallina! (io sì. Le scambierei volentieri con la super ruga sulla fronte. Ma l’erba del vicino…)
– Durante il giorno dovresti cospargerti di quegli spray contro l’elettrosmog, perchè tra computer e cellulari c’è poco da stare allegri. Mai pensato di andare a coltivare pomodori?
– Torni a casa e ti docci.
– Pensi che basti la crema idratante? Grosso errore. Sulla pancia va messa quella rassodante
– L’anticellulite su sedere e cosce è fondamentale per chiunque non sia polinesiana (mi pare che da quelle parti geneticamente non abbiano la cellulite. Dite che se prendo la cittadinanza funziona?)
– Il seno. Pensi che sarà così tonico e sodo per l’eternità? Illusa! Devi incremare anche lui (stando attenta ai capezzoli, sia mai)
– Dopo che ti sei struccata, dovresti mettere il tonico. Che io ho provato a usare, ma non ho mai capito bene a cosa serva. Ma tutti garantiscono che serve.
– Assieme alla crema da notte devi mettere un siero contorno occhi
– E già che ci sei anche il burro di cacao

Arrivati a questo punto, io mi chiedo già perchè sono nata donna e non calciatore. O meglio, me lo chiederei se non fossi già stramazzata dalla fatica.

Una tantum

Sì ok, sembra facile dire una tantum quando si parla di beauty routine. Ma in realtà visto che sono quasi tutti da fare una volta a settimana te ne becchi quasi due al giorno.
– Ceretta. Ovunque. Se sei felicemente single puoi tralasciare l’inguine, ma per il resto non sono concesse deroghe
– Baffetti e sopracciglia. Li includerei nella ceretta se non sapessi che fareste le gnorri e dareste la colpa a me per quei bei mustacchioni attaccati sotto il naso.
– I capelli. Qui si apre un sottomondo:
> shampoo
> balsamo
> maschera
> piega (e di conseguenza spray anticalore). E qui, almeno io, ci perdo un’ora

– Se siete coraggiose e vi fate la tinta in casa, avete tutta la mia stima. Ma anche le macchie in faccia con cui combattere
– Fango anticellulite (Polinesia aspettami!)
– Esfoliazione coi controca**i
– Scrub labbra
– Maschera viso
– Maschera iperidratante mani
– Manicure (e se avete le mie unghie questa ve la cuccate un giorno sì e uno no)

Bene, mi pare basta. Se siete ancora vive. Mi pare evidente che, comunque, se non siete disoccupate e senza figli (o non siete supereroine) non è possibile fare tutto. Quindi io ho elaborato la

Strategia del tre

No, non è un omaggio ad American pie bensì a Dante, che del tre era un po’ maniaco.

(Dantuccio, se sei all’ascolto sentiti omaggiato e vienimi a trovare in sogno per dirmi dove hai nascosto l’autografo della Divina Commedia, così divento ricca, vado in pensione e posso dedicarmi a tutte le operazioni di cui ho parlato fin ‘desso!)
La strategia parte dalla base e aggiunge tre task fra i plus e gli una tantum (anche se la crema idratante per viso e corpo spessissimo viene declassata a plus). Nel complesso mi pare un buon compromesso. Per ora mi sto mantenendo piuttosto bene, e in caso posso sempre passare alla Strategia del quattro. Se vuoi rimanere aggiornata sugli scleri bradipeschi, puoi sempre iscriverti alla iscriviti alla newsletter bradipa!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post comment