Le feste natalizie sono quel magico momento in cui, con buona pace dei Grinch, trionfano i buoni sentimenti, e la concordia regna incontrastata in ogni famiglia.
Questo in teoria, perché per alcuni il Natale è sì un momento di condivisione con i propri cari, ma costituisce anche l’occasione per essere messi sulla graticola da tutto il parentame riunito. Ed ecco che fioccano domande indiscrete e non tanto velati rimproveri. Per mantenere la composizione del tuo fegato invariata, ho raccolto delle domande e delle possibili risposte a tono (scegli tu il tuo stile). Non ringraziarmi, lo faccio perché Babbo Natale si ricordi di me in extremis.

famiglia a natale
“Hai il fidanzatino/fidanzatina?”
Frase generalmente proferita da zia Abelarda, zitella non troppo impenitente.

Risposta assertiva: Sì, ci troviamo molto bene/ No, ma ho molte altre cose interessanti da raccontarti (segue elenco, preparato in precedenza in modo da risultare abbastanza noioso per deviare la curiosità sulle vicende sentimentali di altri membri della famiglia).
Risposta spiritosa: Sì, con un partner invisibile. Avete aggiunto un posto a tavola, vero?
Risposta Grinch: No, finché posso vorrei evitare di finire come zio Michele e continuare ad avere una vita (frase da pronunciare puntualmente quando zio Michele è dietro di voi).

Come mai una persona come te è ancora single?
Risposta assertiva: Sarà banale, nonna, ma non ho ancora incontrato la persona giusta
Risposta spiritosa: Bella domanda! Hanno chiamato quelli del Cicap per capire se dietro c’è qualcosa di paranormale
Risposta Grinch: Ho ripetutamente pensato di accasarmi, ma non voglio infliggere a persone innocenti supplizi come queste riunioni di famiglia.

Quando vi sposate? Domanda riservata a chi non può essere vittima delle prime perché notoriamente accasato.

Risposta assertiva: Ancora non lo sappiamo, ma quando accadrà sarete i primi a saperlo
Risposta spiritosa: Quando diminuirà la percentuale di divorzi in Italia, visto che il matrimonio è la prima causa di divorzio
Risposta Grinch: Quando morirai, zia. Pagheremo il rinfresco con la tua eredità.

Quando fate un bambino? Evergreen per le coppie già sposate. E no, avere già un bambino non eviterà a nonna Clara di essere indiscreta: ti chiederà quando ne farete un altro.

Risposta assertiva: Quando ci sentiremo pronti, perché avere un figlio è una cosa bellissima ma anche molto impegnativa
Risposta spiritosa: Di sicuro non ora: sarebbe poco saggio, vista l’impossibilità di astenersi dall’alcol durante le feste!
Risposta Grinch: Ce l’abbiamo già, lo abbiamo lasciato alla baby sitter per non dovervelo presentare.

Non sei un po’ ingrassata/o? Questa, solitamente, è la zia obesa. Resisti al desiderio di prenderla a schiaffi.

Risposta assertiva: Forse un po’, del resto con le ghiottonerie che cucinate ne vale la pena!
Risposta spiritosa: Me l’ha chiesto anche il mio/la mia ex. Ora giace in un vicolo
Risposta Grinch: Probabile, è da due mesi che mangio per dimenticare che dovevo venire qui a pranzo!

Non sei un po’ dimagrita/o? Questa è tua madre o tua nonna, che ogni volta che ti vede non resiste alla tentazione di metterti all’ingrasso come un’anatra da mangiare a Pasqua (l’agnello è troppo mainstream)

Risposta assertiva: Forse un po’, ma con oggi rimediamo
Risposta spiritosa: I miei jeans dicono di no, parla con loro
Risposta Grinch: Sì. Il mio strizzacervelli dice che è colpa del rapporto conflittuale con la mia famiglia.

Lo so, le feste possono trasformarsi in una noia mortale, quando non diventano una vera fonte di disagio. All’occorrenza concentrati sui regali pensando all’epifania, quando tutto questo delirio finirà. Intanto spero che questo articolo ti abbia tirato un po’ su, e se hai voglia di raccontarmi la tua esperienza non vedo l’ora di ascoltarti! Se non vuoi perderti i prossimi articoli, ma non vuoi nemmeno stalkerare il blog, iscriviti alla newsletter che ti avviserà ogni volta che esce un nuovo post!
Se invece ti manco quando non scrivo, mi puoi trovare quasi quotidianamente su Facebook e Instagram!

Il presente articolo è stato scritto da Anna Cortelazzo, e originariamente pubblicato sul sito IlViviPadova (attualmente offline). Qui è pubblicato in ottemperanza alla licenza Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Italia (CC BY-NC-ND 3.0).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post comment