E anche maggio nell’agenda personal è passato. Per giugno ho pensato al mare, anche perché a Luglio, come vedrete dalla copertina, passerò al rosa fenicottero! Che non è il mio colore, ma ogni tanto bisogna sperimentare, no?

agenda personal di giugno


To do list e obiettivi

Per quanto riguarda la to do list, questo mese non voglio discostarmi troppo dal lavoro quotidiano: devo assolutamente fare ordine nel pc e recuperare dei film arretrati che, complice una mole di lavoro non indifferente, non sono ancora riuscita a guardare. A maggio comunque ho fatto una bella cernita del mio guardaroba, e sono anche riuscita a buttare via un po’ di cose. Non i miei amati jeans taglia 40 però, in cui sogno di rientrare nell’anno del mai. Non lo inserisco negli obiettivi, però, perché con la bella stagione arrivano le serate fuori a bere Mojito, che non è esattamente una bevanda ipocalorica. Ok, faccio outing: non ho ancora obiettivi per giugno. Del resto a maggio ho prodotto un freebie incredibile per la newsletter del mio sito professionale e ho lanciato un servizio in collaborazione con una mia collega: direi che per le prime due settimane di giugno posso permettermi di tirare il fiato!

 

Poi penserò a qualcosa di lavorativo che voglio realizzare prima di andare in ferie e godermi tutti i libri che ho in arretrato. Ecco, diciamo che l’obiettivo vero potrebbe essere ritrovarsi a inizio luglio senza lavoro arretrato!

(in realtà, dovendo ancora preparare tutta l’agenda di luglio, temo che potrebbe essere utopico, ma facciamo finta di niente!)

giugno

Giugno torna con i piani editoriali. Avevo smesso di farli perché usavo google calendar, ma se l’anno prossimo passo dalla kikki-k alla filofax (vedi oltre) temo che non avrò abbastanza spazio per i piani editoriali. Insomma, cominciavano già a mancarmi, quindi li ho recuperati, anche se di solito inserisco tutto in calendar e poi copio pedissequamente sull’agenda personal!

Giugno per quanto riguarda le spese è una mezza tragedia: con la primavera il desiderio di shopping aumenta di molto, ma arriva anche una botta di tasse da pagare, e come se non bastasse ci sono i matrimoni. In breve, non ricordo di aver mai fatto molto shopping a giugno, ma sicuramente devo comprarmi una crema viso di cui mi sono innamorata: la marca è l’Occitane e per fortuna ho un buono sconto di 20 euro, perché il prezzo non è decisamente popolare, ma secondo me quei soldi li vale tutti! Penso che te ne parlerò a breve perché della versione di prova sono stata entusiasta!

Giugno poi sarebbe anche il mese in cui mi scelgo l’agenda personal nuova. Quest’anno però, a differenza degli anni scorsi, non c’erano offerte sul sito kikki-k e i prezzi non sono molto concorrenziali, anche perché da Londra non spediscono, e quindi ti trovi pure da pagare la dogana. Gli scorsi anni per fortuna ci sono state persone fantastiche che quando sono andate a Londra hanno fatto una deviazione al negozio per me, ma quest’anno… Nada! Quindi mi sa che, anche se a malincuore, tornerò alla Filofax. Spero che la facciano bordeaux o tiffany, ma se vedete un’agenda personal in questi colori fatemi un cenno, che sulla marca non mi formalizzo!

spese giugno

Atro tasto dolente sono i film di giugno. Mentre spulciavo le nuove uscite mi sono un attimo intristita. Intanto ero convinta che avessero gia fatto un remake de La bambola assassina e invece pare di no. Pur essendo un’amante degli horror, non apprezzo particolarmente quelli anni Ottanta, penso che non andrò nemmeno a vedere la seconda parte di It e boh, i Gremlins continuano a sembrarmi tanto carini anche nella versione violenta. Però ho beccato una pellicola che riesce a riassumere le tre cose che odio di più in un film

  • gli zombie
  • la demenzialità
  • Iggy Pop

E niente. Dimmi che I morti non muoiono non è stato creato apposta per darmi fastidio! Perché uno poi si fa i complessi di persecuzione gratis, ma secondo me ho ragione punto. E di solito giugno al cinema è l’ultima speranza prima dell’ondata di horror splatter che popolano i cinema ad agosto.

Vabbè, io spero che almeno tu sappia come riempire questi due inserti. Io mi sa che li lascio vuoti!

Come scaricare gli inserti

Siccome alcuni me lo hanno chiesto, lo spiego in breve anche qui. Per scaricare gli inserti basta fare clic sulle singole foto verticali: si aprirà una finestra con l’immagine, che può essere inserita in tutti i programmi che supportano file jpg e png per stamparla. Clicchi col destro “salva con nome” e il gioco è fatto! Gli inserti sono formato personal, ma puoi rimpicciolire le immagini a tuo piacimento. Se invece le vuoi ingrandire, purtroppo verranno fuori sgranate.

Spero che ti siano piaciuti gli inserti per l’agenda di giugno, e se hai voglia di mostrarmi come li hai usati non vedo l’ora di vederlo! Se non vuoi perdere la prossima puntata con le novità dell’agenda di luglio, ma non vuoi nemmeno stalkerare il blog, iscriviti alla newsletter che ti avviserà ogni volta che esce un nuovo post! Puoi anche ricevere soltanto gli articoli a tema agende e cancelleria mettendo la spunta sulla categoria Hobby&Craft! Se invece ti manco quando non scrivo, mi puoi trovare quasi quotidianamente su Facebook e Instagram!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post comment