Quando mi chiedono come si fa shopping faccio una premessa e dico che esistono tre tipi di donne:

  • Quelle a cui non interessa, che non lo fanno e che si vestono così come viene
  • Quelle a cui piace un sacco farlo, provano puro piacere entrando e uscendo da ogni singolo negozio, che si divertono a provare le cose, anche se poi non le prendono
  • Quelle che ci tengono ad apparire sempre in ordine, ma per cui è pura tortura girare per centri commerciali, cercare con il lanternino qualcosa che stia loro bene e fare eterne file a una cassa, per non parlare della calca, dell’odore di plastica che ti ammorba in certe catene di negozi, e le tipe taglia 38 che in camerino si lamentano che sono grasse e sì, mi hai sgamato, io sono del terzo tipo

Come un sacco di altra gente, del resto. Siamo oneste: fin troppo spesso fare shopping è uno stress. A volte vorrei diventare famosa solo per avere gli stilisti che mi dicano: “Ciao Anna, riceverai un vestito che ho disegnato pensando a te: sarà perfetto!”. Che sogno eh? Per ora però non sono ancora così avanti, quindi ho cercato dicapire come si fa shopping e cosa mi ostacolava sulla via dello shopping efficace. La conclusione è stata che… c’è troppa scelta!

come si fa shopping
Sia chiaro, la scelta non è un problema di per sé, e non deve per forza essere un problema per tutte, anzi: ad alcune brillano gli occhi quando entrano da Zara e non vedono l’ora di scoprire cosa offre Stradivarius. Io invece mi blocco. Non sono nemmeno una che di fronte all’abbondanza comprerebbe tutto: io semplicemente mi spengo e torno a casa a mani vuote. Un altro sogno, in effetti, sarebbe quello di avere una personal shopper che mi indichi la strada, che mi preselezioni una serie di capi perfetti per me restringendo il campo degli abiti tra cui scegliere, magari secondo il mio stile. Ma non basterebbe un giorno, perché prima di comprare qualcosa sento il bisogno di pensarci 43 volte. Il che renderebbe troppo costoso stipendiare la malcapitata che tornerebbe a casa inveendo contro di me, la sua cliente peggiore dal 1810.

Addentrandomi però nella realtà delle personal shopper ho scoperto che esiste un’altra forma di consulenza e ho conosciuto Gemma, la curvy personal shopper: dalla collaborazione con lei, nel ruolo di consulente d’immagine, nasce questo articolo. Gemma è specializzata in moda curvy e plus size, ma il servizio che ha proposto a me va bene per tutte: da un lato mi ha fatto l’analisi della figura e dall’altro l’analisi del colore spiegandomela anche dal punto di vista storico. Non entro nel dettaglio perché nei due link che ti ho lasciato spiega già tutto lei molto chiaramente: io le ho solo dovuto mandare tre foto e lei mi ha restituito un pdf che è una vera e propria guida allo shopping e anche al makeup: Gemma non mi ha svelato come si fa shopping, ma mi ha indicato i capi migliori per il mio fisico a pera e i colori che mi valorizzano di più. Alcune cose le immaginavo (per esempio: colori caldi, go out!), alcune mi hanno fatto provare sollievo (per fortuna il bordeaux mi sta bene!), altre mi hanno terrorizzato (non dovrei truccarmi con colori saturi, ma non credo di poter vivere senza il mio rossetto rosso!)

In ogni caso, per me portarmi dietro un pdf del genere quando vado a fare shopping è una manna: dopo un primo colpo d’occhio elimino, tra le cose che mi hanno colpito, tutte quelle che Gemma mi ha sconsigliato (e già 3/4 del negozio se ne va!). Tra quelle che rimangono, vedo se ce n’è una che mi si adatta sia per forma che per colore (è come andare alla ricerca di un unicorno, ma in certi casi succede!) e poi al limite pondero quelle che vanno bene solo per forma o solo per colore. Questa mappa mi ha aiutato molto a rispondermi alla domanda come si fa shopping, perché avendo delle indicazioni da seguire non mi sentivo più spaesata nel grande magazzino delle meraviglie.

Ah, piccolo bonus: l’analisi del colore è molto dettagliata e io ho scoperto di avere gli stessi colori di Dakota Johnson, attrice che adoro, nonché figlia di Melanie Griffith: adesso prima di truccarmi penso a come starebbe lei con gli stessi colori. Però il rossetto rosso continuo a metterlo!

E tu hai problemi nello shopping? Ah, se non vuoi perderti il prossimo articolo ma non vuoi nemmeno stalkerare il blog, iscriviti alla newsletter che ti avviserà ogni volta che esce un nuovo post! Puoi anche ricevere soltanto gli articoli a tema shopping mettendo la spunta sulla categoria Fashion ed eventualmente Beauty!

Se invece ti manco quando non scrivo, mi puoi trovare quasi quotidianamente su Facebook e Instagram!

post realizzato in collaborazione con Gemma Uzteri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post comment