Sì, ok, i ringraziamenti nei libri si fanno alla fine. Ma un blog ha una fine? Ecco, spererei che sia il più tardi possibile. E metti che mi cada un vaso in testa, non potrei fare questo discorso, quindi diciamo che precorrerò i tempi.Da gennaio le cose potrebbero girare meglio. Ho avuto una piccola batosta economica perchè ho dovuto mollare un lavoro che anche se mi strenuava rendeva molto bene. Del resto “da grande” voglio fare la giornalista, e se devo scegliere tra un lavoro e l’altro scelgo quello più utile a questo fine.
Poi anche la salute ha cominciato a girare maluccio. Mi sono sentita sola. Non è mia intenzione discutere se lo ero realmente o se era una mia errata percezione dei fatti dovuta al mio stato. Di fatto non era facile. La tristezza è culminata quando, nel giro di due giorni, l’ho detto a due persone. Due persone che mi hanno detto e fatto capire, a seconda, che non se la sentivano di starmi vicino in questa situazione. Non voglio stare a smenarmela, anche se ci sarebbero cose da dire; di fatto mi sono messa a letto con l’intenzione di dare forfait. Il culmine l’ho sfiorato quando mi sono messa a piangere ascoltando Due respiri di Chiara, quando diceva “Niente è come te e me insieme”. Canzone che trovo francamente aberrante. Questo può far solo lontanamente immaginare come mi sentivo.
Ho cominciato a riprendermi grazie a un amico, che mi sopporta dal 2004 (anche se bisogna dire che sono brava pure io a sopportare le donzelle che si sceglie 😛 ) e che è questo figo qua.
c7f23994d5d211e193c122000a1e8a89_7Lui mi ha messo su il blog in quattro e quattr’otto (!), mi ha fatto ridere mentre lo si progettava, si è entusiasmato al posto mio quando io non ci riuscivo. Ok, non è stato a bordo del letto a tenermi la mano, ma penso che questo sia qualcosa di più, perchè ti fa guardare avanti, sapendo che ogni giorno può essere speciale, e quindi meritevole di un post, almeno finché sei viva (ma viva davvero!).

Quindi grazie, orribile bestiaccia 🙂

3 Comments

  1. E’ un piacere bradipa! 😉
    Peccato solo che tu abbia cambiato l’introduzione che avevo scritto per la sezione Fiorentina. Però potremmo aggiungere anche Calamari fritti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post comment