DSC_0028Non sono una wannabe fashion-blogger/make-up artist. Cioè, mi piacerebbe ricevere in regalo trousse e accessori, per non parlare del mio sogno proibito e irrealizzabile: una borsa di Chanel. Ma quella vita fatta di tutorial e consigli cozzerebbe irrimediabilmente con i miei ritmi bradipeschi, quindi la lascio a chi è più portato, anche perché finirei per ideare unicamente trucchi e outfit da divano.
Ciò non toglie che ci siano degli allineamenti cosmici imparentati con strane comete che a volte fanno crescere in me il sacro fuoco della frivolezza estetica: da lì nascono outfit azzeccati e trucchi convincenti, ma anche disastri talmente epocali che non si può fare a meno di documentare. Spero quindi che sarà con sommo spirito solidale che vi avvicinerete a questa sezione, confidando nel fatto che se qualcosa riesce bene a una bradipa con velleità femminili è di certo alla vostra portata.

Guida alla creazione di un refill per agenda (per imbranati)

Sono un bradipo frustrato. Dovete sapere che anni fa mi sono trovata a fare il lavoro di un grafico. È stata un’esperienza stressante, perché nessuno mi ha insegnato a farlo, e io sono una copywriter e non una grafica. Però ho fatto di necessità virtù, imparando per conto mio un sacco di cose utilissime. Tra queste, utilizzare InDesign.
Poi per fortuna sono tornata alle mie attività regolari e per quattro anni non ho più aperto InDesign. Adesso come vi dicevo mi sono trovata a voler creare i refill per la mia agenda nuova. Il programma di elezione per impaginare e aggiungere qualche .png per me è InDesign, perché su Photoshop sarei costretta a salvare 15 file da stampare poi separatamente (la mia agenda è costruita su due giorni per pagina), tra l’altro fronte/retro. Lieta di lavorare in un posto dove posso accedere liberamente a questi programmi, mi accingo a fare il lavoro che, beata ingenuità, avrebbe dovuto impegnarmi al massimo trenta minuti (avevo già scelto i font e salvato i .png).

Peccato che NON SO PIU’ USARE INDESIGN. Non parlo di cose complicate, ma di funzioni base (tipo copiare un modello o inserire un .png). Non penso che in quattro anni il programma sia cambiato così profondamente da impedirne l’uso. Penso piuttosto che il mio periodo da grafica sia durato troppo poco: ho imparato troppe cose troppo velocemente, e così le ho, altrettanto velocemente, dimenticate. Però volevo assolutamente creare i refill di dicembre, per abituarmi da subito a usare un’agenda ad anelli.

Ebbene, me ne vergogno. Ma alla fin fine, quello che conta è il risultato. Ho usato Microsoft Word.

img_2095 Continua a leggere

Agenda ad anelli: quale ho scelto e perché

Nello scorso post vi ho illustrato i formati delle agende, ora vi voglio raccontare quale ho scelto. Premetto che ero partita da una sola idea: volevo un’agenda color glicine formato personal.
Il personal mi sembrava un buon compromesso tra “sei bella ma non posso portarti in borsa” e “mi piaci un sacco ma non posso scrivere nulla più di ORE 15.30 DENTISTA”.
agenda Continua a leggere

Bradipi e agende: quale formato scegliere?

Per una serie di motivi che spiegherò nel corso del post, sono entrata nel meraviglioso mondo delle agende ad anelli.
In poco tempo mi sono fatta un’enorme cultura in materia, e siccome l’argomento mi ha preso un sacco ho deciso che scriverò una serie di post per farlo conoscere anche a voi bradipi!
Per cominciare, partiamo sul soft: un post dove parlo dei formati delle agende e dei criteri con cui scegliere il più adatto alle vostre esigenze. Rompiamo gli indugi e cominciamo!

organizer-791939_640 Continua a leggere

Se vuoi piacere a tutti… Muori!

Ultimamente ho pubblicato su fb la foto di un outfit che ho realizzato per andare a un battesimo
13307307_10153874293408821_2915466539960138204_n

Ovviamente nessuno mi ha obbligato a vestirmi così e quindi, avendo scelto accuratamente ogni capo, l’outfit nel suo complesso mi piaceva molto, e anche se so che i colori sono molto decisi mi sono sentita a mio agio tutta la giornata.
Sotto la foto si è sviluppato un autentico dibattito, in particolare sulle calze. Continua a leggere

Shopping night a Padova: dovevo puntare più in alto!

Da qualche giorno su Real Time sta andando in onda la pubblicità della puntata di Shopping Night di Padova. So che deluderò profondamente i miei fan, ma mi tocca: non mi hanno preso. Del resto, come vi avevo detto in questo post, nemmeno io mi sarei presa, per il casting che ho fatto.

Del resto (anche se non lo sapevo) ero a un picco di Hashimoto, e dal mio colorito si poteva anche intuire. Però considero quella giornata ugualmente molto positiva, per una serie di motivi.
Intanto il mio narcisismo è stato rimpinguato dalle inquadrature dedicate

IMG_9833 Continua a leggere