Cambio guardaroba: operazione rewind – ritorno al disgelo

Per i ciclo “I problemi fashion della vita”: avete già fatto il cambio del guardaroba?
Se sì, potrebbe essere un problema: fino a quattro giorni fa, c’erano i dromedari che aspettavano ai semafori, mentre ora i pinguini ammiccano dalla finestra. Buone notizie: c’è una soluzione.

freddoIo su Instagram ve l’avevo detto che il colpo di coda dell’inverno sarebbe arrivato, e che dei bravi bradipi non fanno oggi ciò che potrebbero benissimo fare domani, ma alla fine, lo ammetto, anche io ho parzialmente ceduto allo sguardo implorante del mio guardaroba e ho messo via i maglioni di lana.

Cosa fare in questi casi? Se i vestiti invernali sono facilmente raggiungibili, per una volta non siate bradipi: alzatevi dal divano e abbandonate Tredici (lo so, dovrebbe essere vietato dalla convenzione di Ginevra!), prendete la scala e ritirate giù piumini e cappelli dagli angoli reconditi del guardaroba.

inverno
Ma se invece i vestiti sono definitivamente andati (perché magari siete dei pendolari e avete già portato tutte le piume a casa dei vostri genitori), vediamo un po’ come tamponare i danni.

Ma prima una premessa: sono terribilmente freddolosa. Vi dico solo che fino a 28 gradi a casa sto senza l’aria condizionata, perché mi dà fastidio. Per cui adattate le mie dritte alla vostra tolleranza, diminuendo gli strati all’occorrenza.

  1. Come sostituire la calzamaglia
    (sì, io d’inverno mi metto la calzamaglia sotto i jeans: ve l’ho detto: sono freddolosa). Prendete i leggins più leggeri che avete e dei normali calzini di spugna. Piazzate tutto sotto i jeans e se qualcuno vi chiede se avete preso kg date la colpa alle feste pasquali
  2. Come sopravvivere senza un cappotto di lana
    Sì, ci vuole arte. A seconda della pesantezza delle suddette, abbinate da due a più sciarpe. Mi raccomando, mai due sciarpe fantasia: al massimo prendetene una, e tutte le altre sceglietele tinta unita e in gradazione. Tenere il collo al caldo fa alzare la temperatura corporea anche di mezzo grado.
  3. Come tenere la pancia al calduccio
    Avete tre opzioni. La prima è farvi una tisana ogni ora, il che aumenterà anche la vostra temperatura corporea. Visti i passati festeggiamenti pasquali, io punto sulle depuranti e sulle digestive.tisana
    Altrimenti potete giocarvi il doppio maglione di cotone (io in ufficio sono con il doppio maglione di lana, ve lo dico!): sotto ne mettete uno bello ciuccio-attillato e sopra una maximaglia o un maglione rubato al fidanzato. Per finire, se siete davvero disperate, potete legarvi in pancia una sciarpa di lana e camminare sapendo bene di essere trendy e alla moda. È solo questione di abilità attoriale, se lo condite con tacchi vertiginosi e atteggiamento glam dovreste riuscire a convincere quasi tutti
  4. Che fare coi cappelli?
    Qui c’è grossa crisi, perché se non vi basta il classico cappellino parasole e non avete nessuno che vi presti un berretto serio, la soluzione è una sola: la cuffia da piscina!bathing-cap-619090_640

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInEmail this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *