Whatsapp gratis, ma il perché non ce lo dice nessuno

Whatsapp è diventato gratuito, e si sa. Sulla mia pagina fb ho salutato l’evento con una battuta: “Ah quindi le catene per far diventare Whatsapp gratuito alla fine funzionavano”. Era appunto una battuta, ma non sapevo cosa avrebbe scatenato.
gombloddo(oscuro l’identità anche se il post è pubblico perché sono bbbbuona)

Dopo questo scambio mi sono trovata in grave imbarazzo. Continua a leggere

Man Jungle: il tronco avvoltoio

Che cos’è il tronco? Fabio Genovesi lo spiega perfettamente nell’ultimo numero di Glamour. Ci sono donne che per i più svariati motivi si sentono abbandonate. Lottano contro le onde cercando di sopravvivere in un mare di lacrime, in seguito al naufragio della loro ultima relazione. E, ad un certo punto, eccolo lì: il tronco. Ok, non sarà il soccorso navale, ma nell’attesa ti aiuta a tenerti a galla. Genovesi invita a tenersi alla larga da simili individui, perché non sono candidati a una relazione sana ma, per l’appunto, tronchi. E, a dirla tutta, non ti piacciono davvero così tanto.

Tutto vero, tutto vero. Solo che si vede che Genovesi è un uomo, perché io, da donna, per questi individui ho un altro termine: non sono tronchi, ma avvoltoi. E così riprendo la mia rubrica, che per ora era costituita di un solo post, Man Jungle.

Ladies and Gentleman ecco a voi, in tutta la sua bellezza

L’avvoltoio
caracara-1096204_640
Continua a leggere

Tram Padova: quello che non devi fare

State leggendo il blog di una che prende il tram praticamente da quando esiste, tutti i giorni. Se dovessi lamentarmi dei malfunzionamenti e del servizio sostitutivo credo che scrivendo mi ritroverei ottantenne in un ospizio. Quello che volevo fare oggi, invece, era fornire qualche indicazione per usare il tram in modo da non appesantire il vostro karma con le maledizioni degli altri utenti.
vw-973024_1280
Vi fornirò quindi una pratica scheda dal titolo: NON FATE ASSOLUTAMENTE QUANTO È SCRITTO.
Continua a leggere

L’amore ed Excel: come (non) trovare l’uomo ideale

Ok, al posto di un pesantissimo post sui miei inesistenti buoni propositi per il 2016, ho deciso di ammorbarvi con delle considerazioni sull’amore e sul mio matematico modo di scegliermi gli uomini. Se siete curiosi di capire come mai una che ha totalizzato una sola insufficienza nella vita esattamente in matematica abbia deciso di affidare proprio a lei decisioni che più comunemente afferiscono all’irrazionale universo dei moti dell’anima, o se semplicemente volete farvi un po’ i cazzi miei, proseguite pure.
Una volta, tanti tanti anni fa (almeno cinque), avevo creato un infallibile file excel per trovare l’uomo perfetto.
Batigol(foto CASUALISSIMA) Continua a leggere